2. ISTANZA AL MINISTRO DELLA ISTRUZIONE RITORNO A SCUOLA CON DIDATTICA “IN PRESENZA”
Per la salute di bambini, famiglie ed il rispetto della legittimità costituzionale.
11 Maggio 2020
Con il presente manifesto di azione civica ad adesione libera e volontaria (da parte di liberi cittadini, comitati ed associazioni), noi genitori sottoscrittori vogliamo farci promotori di una istanza al Ministro della Istruzione ai sensi del principio di sussidiarietà orizzontale (art. 118, IV comma Costituz.), per affiancarci alla pubblica amministrazione statale ed opporci ad una politica che vuole ridurre il sistema scolastico ad un insieme di didattiche virtuali e miste, ancora a distanza oltre la fase emergenziale acuta vissuta recentemente, con grave pregiudizio di classi già formate e dello sviluppo psicofisico, relazionale ed affettivo di bambini e bambini già da troppo tempo lontani dai banchi di scuola e dai loro compagni e compagne, a causa delle misure estreme di contenimento adottate dalle Autorità italiane nel gestire la emergenza epidemiologica del nuovo coronavirus SAR-CoV-2 (malattia similinfluenzale "COVID-19"), sin dalla deliberazione da parte del Governo dello stato di emergenza sanitaria nazionale, a decorrere dal 31 gennaio 2020 e di sei mesi di durata.
Noi siamo per il ritorno dei bambini - sgombrando il campo dall'alibi od il pretesto della lotta ad una epidemia di una malattia "a decorso benigno" per quanto riguarda l'età pediatrica (cfr. ilpediatranews it, 30 marzo 2020) e da tempo in fase calante come diffusione di contagio - alla normale socialità ed in "classe" nell'aula scolastica, e ad una "attività educativa ordinaria" il prima possibile.
A questo scempio del vivere civile, sociale, formativo ed educativo che rischia di "uccidere i sogni dei nostri figli" (cfr. Lettera a Paolo Crepet da una madre) - e che nega il contatto fisico, la vicinanza, l'imparare in presenza con l'altro, confinando il mondo della infanzia ed adolescenza in un universo di distanzialmento sociale e modalità virtuali di apprendimento permamenti, ove perenne è la paura dell'ignoto e del compagno di banco "untore" - noi diciamo no.
Luca Scantamburlo & Valentina De Guidi
Qui tutte le istruzioni, le indicazioni e le relazioni a cui fare riferimento:
Last modified 1yr ago
Copy link